fbpx

Siamo a tua disposizione dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 20.00

Le protesi dentarie servono a ripristinare o sostituire elementi dentali mancanti

Home » Cure » Protesi dentarie

Protesi dentarie

Le protesi dentarie possono essere protesi mobili, protesi fisse o protesi implantari.

Protesi Mobili

La protesi dentaria mobile può essere, a sua volta:

  • Protesi Parziale (Scheletrato): è solitamente formato da una struttura metallica chiamata scheletrato che viene ancorata per mezzo di ganci o attacchi ai denti naturali residui. La presenza di attacchi metallici consente di ottenere un migliore livello di stabilità funzionale e masticatoria.
  • Protesi Totale (Dentiera): in mancanza di denti o radici naturali residue, la protesi totale in resina sostituisce una o entrambe le arcate dentarie poggiando unicamente sulle mucose o sull’osso del paziente. È la soluzione più economica e meno complessa per ripristinare le funzioni orali del paziente, ma presenta criticità relativamente alla “stabilità” della protesi e all’Efficacia Masticatoria ridotta.

Protesi Fissa

La protesi fissa sostituisce gli elementi dentari naturali con manufatti definitivi e stabili e può essere costituita da:

  • Corone (un solo dente): le corone sono protesi dentali per denti singoli dei quali almeno la radice è conservata. Si ancorano o al dente opportunamente preparato o, tramite perni endocanalari, alla radice.
  • Ponti (più elementi dentari): nei ponti l’elemento dentario estratto si sostituisce con una protesi dentale. Essa comprende anche gli elementi dentari adiacenti che vengono per questo ridotti a monconi e protesizzati anch’essi. L’elemento mancante assieme agli elementi pilastro (i monconi sui quali si appoggia) forma il ponte.

Protesi Implantare

Si differenzia dalla fissa naturale perché è supportata da impianti. L’implantologia rappresenta oggi la miglior soluzione per una riabilitazione funzionale ed estetica della masticazione. La protesi su impianti a seconda del sistema di ancoraggio può essere “cementata” o “avvitata”.

Può riguardare un singolo elemento, una parte di arcata, un’intera arcata o entrambe le arcate dentarie.